Ricerca personalizzata

giovedì 3 maggio 2007

Corsa dei carri

Ururi, carrese, corsa dei carri, giovani

Continua la serie "cartoline dal Molise", ogni non vi voglio mostrare un luogo o uno scorcio particolare della mia regione, ma una tradizione, la corsa dei carri o carrese. Questa si svolge in tre piccoli paesi del basso Molise: San Martino (il 30 Aprile), Ururi (il 3 Maggio) e Portocannone (il lunedì dopo la pentecoste) più un piccolo centro pugliese, Chieuti (il 23 Aprile). In ogni paese esiste una piccola particolarità che lo distingue dagli altri, per esempio a San Martino data la lunghezza del tragitto c'è il cambio dei buoi a metà percorso, a Ururi i due carri a pochi metri dal traguardo sono costretti a percorrere due strade differenti rendendo il risultato più incerto, a Portocannone il primo carro a partire viene estratto a sorte, a Chieuti si corre con quattro carri e inoltra i posti di partenza vengono estratti a sorte.
E' una tradizione molto sentita in tutti i paesi in cui si svolge, e oggi nel mio paese ha vinto il "mio" carro (i giovani) con un stupendo sorpasso a pochi metri dal traguardo, e pensare che era partito da sfavorito...meglio così, e inizia la festa fino a tarda sera!!!

Se volete vedere le altre foto che ho scattato in questi giorni sulla carrese potete cliccare qui, in più vi allego un piccolo video dimostrativo della corsa del 2005 di Ururi, così per rendervi conto dello spettacolo!



W i Giovani!!!

20 commenti:

Gabriele ha detto...

Anche in Toscana ci sono molte manifestazioni tipo questa.
Speriamo che le regioni e i giovani continuino a tenere alto il nome di queste feste e di queste sagre "particolari" che danno quel sapore di antico e di bellezza ai luoghi dove viviamo

m1979 ha detto...

@gabriele: lo spero anche io! :-) Anche se purtroppo le manifestazioni di questo tipo seono sempre criticate! :-(

Filippo ha detto...

Secondo me dovrebbero essere anche più pubblicizzate queste manifestazioni! Perché la gente non le conosce, e il turismo ne soffre! Un sacco di gente (io per primo!!) decide di andare in vacanza in Toscana, Umbria, Sicilia e via dicendo... ma se uno parla di Molise 3/4 delle persone pensano: "Ma che c'è da vedere in Molise??"
Il portale del turismo italiano dovrebbe servire anche a questo. Speriamo bene!

m1979 ha detto...

@filippo: forse i 3/4 delle persone non sà nemmeno dove si trova il Molise! Lo sai quande persone mi dicevano "Il Molise? Ma dove si trova?"...forse si le altre regioni sono molto più ricche di noi, ma anche qui nel nostro piccolo ci sono cose belle da vedere...ed è proprio a questo che dovrebbe servire il portale del turismo italiano, fare pubblicità alle grandi regioni ma anche valorizzare quelle più piccole...speriemo bene!

Michele ha detto...

sai cosa mi hanno chiesto quando ho detto che ero di Campobasso? "Cos'è? Dov'è? Vicino Roma?" In Molise non abbiamo nulla da invidiare all'Umbria, ad esempio, e manifestazioni come quelle dei carri sono spettacolari (vado spesso a vederla a Portocannone). Scordiamoci del portale Italia.it...crea solo più confusione! m1979 non so se hai dato un'occhiata alla "nostra" pagina: ci hanno liquidato in 2 righe, omettendo un sacco di informazioni rilevanti! E addirittura negli hotel di Campobasso ce n'era uno che invece sta a Campomarino :(

m1979 ha detto...

@michele: hai perfettamente ragione!...per il portale italia.it avevo notato una cose del genere appena era uscito, ma a distanza di mesi sono ancora a questo punto? Però un pò di colpa l'hanno anche i nostri rappresentanti regionali, ma che cavolo!

gyordie ha detto...

cari conterranei (per fortuna solo di nascita!!) dei miei stivali io ho solo un augurio per voi : quello di provare un giorno tutte le sofferenze (e anche di più) provate da quelle povere bestie.

ANTROPOCENTRICI EGOISTI ESSERI UMANI!

m1979 ha detto...

@gyordie: sei pregato di non offendere, se vuoi rinnegare le tue origini fai pure....le tradeizioni, volendo o nolendo, rappresentano la storia e l'evoluzione di un popolo...gli animali soffrono? Solito discorso di chi non conosce la carrese, di chi non ha mai visto tutto il lavoro, la passione e l'amore che mettono i carristi per questi animali! Ti consiglio, prima di parlare, di farti un bel giretto nella stalla, e vedere le carresi per 365 giorni non per 4 minuti!

gyordie ha detto...

aro m1979,
mi dispiace che tu ti sia offeso nonostante io non abbia REALMENTE insultato nessuno (ti chiedo, a questo punto, scusa per il "dei miei stivali"! ;-P)
voglio premettere che io non solo rinnego qualsiasi apparteneza a gruppi dediti a barbarie del genere ma mi auguro con tutto il cuore che specie così crudeli (come quella umana) si estinguano il più velocemente possibile!

Ringraziandoti per il suggerimento, credo che difficilmente qualcuno abbia visitato più stalle del sottoscritto (nonostante, davvero, ciò non sia servito ad un granchè, visto che ho ottenuto da ciò solo e soltanto conferme!).
Se già di per se gli animali nelle stalle abbiano davvero molto poco di che gioire per le proprie condizioni quelli delle "carresi" credo che, se potessero, si toglierebbero la vita con le proprie zampe pur di NON ripetere (quelli che sopravvivono!) ogni anno questo strazio.

tu come tutti quelli che vogliono "conservare le tradizioni sempre ed a tutti costi" rappresentate coloro grazie ai quali l'essere umano riesce (..quando ci riesce!) ad evolversi DAVVERO con estrema lentezza e difficoltà ed ad abbandonare tutto quello scomodo bagaglio culturale che tanti danni ha fatto nel passato e continua a fare a tutt'oggi.

Voglio fare una precisazione : il pretesto di parlare di ciò é stato (per quello che mi riguarda)questa maledetta corsa dei carri ma potrebbe essere qualunque altra maledetta tradizione che preveda la sofferenza indiscriminata e gratutia degli animali ( di qualunque altro essere vivente).

Ma davvero tu , in tutta onestà, credi che dei bovini trainanti carri con esseri umani deficienti a bordo, lanciati a tutta velocità, pungolati con puntali metallici e frustati con frustini di cuoio, (ossia fatti della loro stessa pelle!!), sbavanti ed ansimanti per l'enorme sforzo inflitto loro (senza che l'abbiano minimamente chiesto!!) possano essere felici e gaudenti?!?!
Forse volevi dirmi che sono felici e gaudenti nelle loro graziose (!) stalle durante tutto l'anno fino ad arrivare al momento dello strazio...é così?

mah

saluti

m1979 ha detto...

Sono pienamente consapevole che non potreifarti cambiare idea su queste nostre tradizioni, così come tu non potresti mai, dopotutto la discussione sarebbe lunghissima e non porterebbe a niente...dopotutto sei un animalista convinto e un pò estremista (ho dato uno sguardo al tuo blog)

Però permettimi alcune piccole precisazioni: "credi" che le stalle delle carresi siano peggiori? Non paragonarle alle stalle normali dove i buoi vengono messi al'ingrasso per essere mangiati, da noi i buoi devono correre (in natura tutti gli animali corrono per sfuggire alle loro prede) vengono allenati per questo, ogni giorni vengono portati per le campagne a passeggiare e a correre, vengono controllati periodicamente da veterinari, vengono massaggiati, e anche il cibo viene selezionato (niente schifezze) insomma non credo proprio che si toglierebbero la vita anzi...

I buoi corrono per più anni, non mi risulta che muoiano a fine corsa, non è facile trovare buoi "buoni".

Il dolore che provano è minimo, altrimenti cadrebbero perterra vanificando il tutto, quindi non cacciare la scusa che soffrono mentre corrono...se tu mentre corri ti fai male cosa fai? Cadi per terra e non ti rialzi per il dolore, la stessa cosa vale per gli animale. Piu che maltrattati, vengono stimolati.

Alla tua ultima domanda rispondo di si, naturalmente.

saluti

gyordie ha detto...

non mi definisco un animalista tout court (sebbene do molta più importanza ANCHE agli animali che agli esseri umani (adulti!): e come non si potrebbe?!) anche se lo comprendo ; tuttavia non comprendo "estremista".
Saresti così gentile da definirmelo soprattutto alla luce delle tue parentesi: ossia, perché il mio blog ti ha fatto definirmi "estremista"? In cosa credi che io sia "estremista"?

Un'altra domanda : quindi anche tu condanni le "stalle normali" in cui i bovini vengono "messi all'ingrasso"? Se si perché?

Io non voglio far cambiare idea a nessuno per nessun motivo : quello che cerco SEMPRE é lo scambio a 360 gradi, amico mio conterraneo di origine; cerco di capire e farmi capire per riuscire a pensare che ciò che penso lo debba capire meglio (ovviamente , minimamente, mi aspetto che lo faccia anche il mio "interlocutore"); se poi non c'é volontà di fare niente del genre da parte solo di una delle due parti allora é un'altra storia...

m1979 ha detto...

"Estremista" in riferimento al tuo primo post intitolato "alimentazione: un punto di partenza" cito: "
Io credo che l'essere umano SIA 'naturalmente progettato' per non ingerire carne........Mi viene 'spontaneo' motivare il mangiare la carne di animali uccisi un atto egoistico, dettato, il più delle volte, principalmente da ignoranza, mancanza di razionalità e/o non-rispetto nei confronti dell'"ordine naturale"
Beh che ti piaccia o no l'uomo è onnivoro, per sopravvivere ha bisogno di mangiare sia cibi di origine vegetale che di origine animale non si tratta di un discorso egoistico! Dopotutto se si è evoluto fino a quello che è oggi lo deve principalmente alla sua alimentazione! Estremista nel senso che non accetti che l'uomo sia onnivoro.

Nelle stalle "normali" gli animali sono chiusi i gabbia, in pochissimo spazio e senza mai uscire, mangiano chissa quali schifezze e poi portati al macello...tutto sommato sono ambientalista, sono sensibile alle problematiche ambientali, sono per la libertà, ma sono anche cosciente che l'uomo sia onnivoro! Esistono altri modi per allevare gli animali, non solo i modi intensivi! Forse ti sembrerò ipocrita, ma io la penso così!

Conterraneo di dove?

gyordie ha detto...

caro...(non mi hai ancora detto come ti chiami) m1979 (sembra quasi il nome di un robot di guerre stellari..! senz'offesa!! ;-P) prima di tutto voglio palesarti il mio rammarico per il fatto che, entrando nel mio blog, tu prenda spunto SOLO e SOLTANTO dal mio primo posting per deinire ESTREMISTA la mia (attuale) posizione.
Ad ogni modo lasciami dire che il fatto che, come dici tu "io non accetti" che l'uomo sia carnivoro non é esatto: io "accetto" (nel senso che prendo atto, ovviamente, non potrebbe essere altrimenti!) che l'uomo a tutt'oggi abbia un'alimentazione che per la maggior parte dei suoi simili include anche la carne di esseri viventi (soprattuo cucinata) ma questo non vuol dire assolutemente che ciò sia IL MEGLIO che si possa scegliere o che o é così o niente. Si perché bisogna considerare che, al contrario di ciò che é successo nel passato per alcuni gruppi di esseri umani, oggi la maggior parte di noi potrebbe sopravvivere e perpetrare la propira specie anche senza (forse meglio, secondo l'opinione di qualcuno!) servirsi in maniera indiscriminata o meno di esseri viventi (almeno quelli omeotermi o superiori come dir si voglia).
Poi voglio farti notare che non é detto che nel passare dallo stato di vegetariani a quello di "onnivori" (si perchè, se non lo sai, le nostre progenitrici scimmie fino ad un bel pezzo non si cibavano affatto di animali) abbiamo fatto l'unica cosa da fare per la sopravvivenza della nostra beneamata specie : secondo l'opinione di molti studiosi per molti gruppi di ominidi il passaggio é avvenuto unicamente per spirito di emulazione e di piacere (osservando quelli che, magari, davvero erano ricorsi a questo espediente per sopravvivere!).
Per altri é stato solo il CASO che ha messo davanti al primo ominide della carne (probabilemte già bruciata da qualche incendio) di un animale morto.
Tutto ciò premesso qui il vero estremista mi sembri essere tu che poni in essere con tanta facilità la NATURALE (ho un posting per questo sul mio blog) tendenza ONNIVORA dell'essere umano : io ho imparato , nel corso della mia vita, che non bisogna dare MAI NIENTE per assodato, scontato, definitivo.
Un'altra precisazione : non é affatto vero che se io e te vogliamo stare bene (in salute) dobbiamo necessariamente mangiar carne (questa é una delle tante dicerie che noi esseri umani ci raccontiamo "popolarmente" l'un l'altro!). Tu, ovviamente, senza avere alcuna nozione "vera" (scientifica) al riguardo se portato a pensarla così e lo capisco, ma sappi che l'unica sostanza "complessa" UTILE ALL'UOMO (!) che non é presente facilmente (non assolutamente!) nel mondo vegetale é la vitamina B12 (pensa, non una proteina, bensì una vitamina!).

(fine prima parte..)

gyordie ha detto...

(..seconda parte)

Hai davvero di che rallegrarti pensando al fatto che l'essere umano, utilizzando, forse meglio di qualunque altra specie, le proprie risorse e potenzialità sia riuscito, nonostante tutto, a far sopravvivere (mi sembra molto più del "NECESSARIO"!!) la propria specie a discapito di tutte le altre che gli sono passate "sotto"?
Credi che la sopravvivenza di alcuni sia preferibile alla sofferenza di molti? Si perché questo é ciò che é avvenuto e avviene nella storia : l'essere umano non si estingue, anzi (!), si riproduce sempre di più, ammazza, imprigiona, tortura gli individui della propria specie (e certamente NON per necessità!!) oltre ad ammazzare e sfruttare le altre specie per i motivi più disparati.
Credi che sia stato e sia preferibile tutta la sofferenza generata dalle scelte e dalle azioni umane (che davvero poco hanno a che fare con la mera sopravvivenza!!) al vivere in maniera ECOCENTRICA (che é in contrapposizione ad EGOCENTRICA)?
Credi che DAVVERO possiamo affermare che l'essere umano si sia EVOLUTO da 10,000, 5,000, 3,000 anni a questa parte? Se si cosa te lo fa credere?

saluti

gyordie ha detto...

p.s.

[sono nato a termoli]

m1979 ha detto...

A me invece risulta che i primati (nostri antenati) erano e sono carnivori, cito da questo link "quasi tutte le specie sono onnivore, sebbene, nella maggior parte, si nutrano essenzialmente di piante" quindi sono onnivori, che poi gli uomini la cucinano per renderla più digeribile e che la scoperta fu fatta per puro caso (come del resto quasi tutte le scoperte dell'uomo) fà parte dell'evoluzione. I nostri progenitrici sono diventati onnivori per emulazione? Hai un link che lo spieghi meglio?

La biodiversità fà parte della terra, l'uomo senza gli altri animali/piante non potrebbe sopravvivere, nella terra siamo troppi e sfuttiamo più del dovuto le risorse...il problema vero non è quello di mangiare carne si o no, ma quello di saper razionalizzare le risorse, di sapersi accontentare, di porsi dei limiti! Il troppo storpia! E vero, non ci serve tutta quella carne, bne mangiamo troppa...ma comunque la carne serve all'organismo!

M1979? Si forse fa un pò schifo come nik, ma non ho trovato di meglio!!!

gyordie ha detto...

caro...(sono di nuovo a chiederi il nome, nonostante NON abbia mai detto che "FA SCHIFO", non uso di solito dare giudizi di questo genere..)amico conterrraneo di nascita, vorrei innanzitutto dirti che la nostra discussione é al momento su di un altro "piano" rispetto a quello iniziale; non che la cosa mi dispiaccia, anzi. Tuttavia questo tipo di discussione mi é capitata di affrontarla altrove, spesso, in maniera molto esauriente

http://www.ecoblog.it/post/3167/pasqua-senz’abbacchio

http://tuttalimentazione.blogspot.com/2006/06/alimentazione-salve-tutti.html

(ti invito soprattutto a quest'ultimo, dove hai detto che sei già stato, a dare un'okkiata alla definizione che da Benio della natura nel suo post...magari ne riparliamo, se vuoi)

magari se pensi ci sia qualche omissis o se tu vuoi aggiungere qualcosa (qualora fossi REALMENTE interessato all'argomento) potresti postare uno o più commenti all'interno di uno dei blog linkati (tanto sai già come funziona! ;-P).

Non ho al momento links a disposizione (e, sinceramente non mi va nemmeno di trovarli!!) che possano farti LEGGERE ciò che ho affermato a proposito dell'emulazione menzionata (però se ti soffermi 5 minuti magari puoi riflettere che é molto palusibile, sociologicamente parlando!), magari ti suggerisco qualche lettura "cartacea" se riuscirò a ricordarmi titolo/i e autore/i.

Solo un paio di cose qui vorrei aggiungere a quanto detto da te: ci sono due affermazioni DECISAMENTE molto poco condivisibili (e non solo da me!)nell'ultimo periodo da te postato.

Quando dici che "La biodiversità fà parte della terra, l'uomo senza gli altri animali/piante non potrebbe sopravvivere," é giusto e sbagliato allo stesso tempo : giusto perché é vero che l'essere umano senza piante e animali (ossia senza poter condividere la casa/terra con loro) non potrebbe sopravvivere, almeno non potrebbe farlo, a lungo andare, nello stesso modo in cui é sopravvisuto fino ad oggi (ATTENZIONE!); sbagliato perché egli di certo non morirebbe tout court!

Quando dici "...ma comunque la carne serve all'organismo!" dici un'enorme boiata (concedimi il termine) da sociopopolarconfuso e ti capisco, so cosa vuol dire vivere in un contesto (geografico) dove TUTTI pensano e dicono che "la carne serve all'organismo (umano)"!
PUOI PROVARMELO? (scusa se prendo spunto dalle tue domande" ;-P)

saluti m1979

p.s. mi hai fatto venir voglia di creare un nuovo post...magari se gli dai un'okkiata (é sul mio blog) possiamo tornare alla nostra discussione iniziale.....;-)

porto ha detto...

caro gyordie, ho appena visto i tuoi commenti e sai che ti dico? secondo me tu non hai mai visitato una stalla e non sei mai stato in mezzo ai carri altrimenti non avresti parlato in questo modo

porto ha detto...

gli animali vengono trattati benissimo e te lo posso garantire. io ho un cavallo e non l'avrei mai fatto correre sapendo che soffriva. secondo me la corsa dei carri è una delle cose più belle della vita ed è un'esperianza da provare

giovanissimi ha detto...

io sono di Chieuti -FG- piccolo centro ne foggiano "Puglia", anche noi abbiamo la tradizionale corsa dei carri trainati dai buoi, che si effetua nel periodo della festa di San Giorgio M.re 22-23 aprile vedi sito web www.giovanissimi.eu video foto e curiosità. visitate il sito e scoprirete cosa facciamo da quasi trecento anni. publicizziamo le nostre tradizioni ciao a tutti-

Articoli consigliati

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Declino ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti. Cokie: In qualità di fornitore indipendente, Google utilizza i cookie per pubblicare gli annunci sul tuo sito. L'utilizzo del cookie DART consente a Google di pubblicare annunci per i tuoi utenti in base alla loro visita ai tuoi siti e ad altri siti Internet. Gli utenti possono scegliere di non utilizzare il cookie DART consultando la pagina relativa alle norme di Google sulla privacy per la rete di contenuti e per gli annunci.