Ricerca personalizzata

lunedì 18 giugno 2007

Tra i 100 monumenti a rischio, c'è anche il Molise!

Da questo sito scopro quali sono i cento monumenti a rischio estinzione nel mondo...curiosamente vado subito a vedere quelli Italiani e scopro che ce ne sono ben quattro:

  1. Fenestrelle in Piemonte, i motivi sono l'obsolescenza e l'esposizione dei materiali (alle intemperie)
  2. Valeggio sul Mincio in Veneto, motivo struttura instabile
  3. Palazzo Farnese a Roma, motivi danni causati dalle piogge e dalle inondazioni, attacchi biologici
  4. La cultura contadina della transumanza in Molise, motivi abbandono e lo sviluppo agricolo e civile della zona (in alcuni tratti ci hanno costruito sopra!)
I criteri usati dal word monuments found per stilare la classifica sono:
  1. Importanza in termini artistici, architettonici, storici e sociali del monumento
  2. Urgenza dell’intervento
  3. Fattibilità dell’intervento

Avevo già parlato in precedenza dei tratturi Molisani...per esperienza diretta posso dire che in passato sono stati abbandonati (con l'avvento dei moderni mezzi di trasporto la transumanza non viene fatta più a piedi, ma il bestiame viene trasportato su camion), dimenticati, addirittura in alcuni tratti ci hanno costruito sopra (case, strade...), o sono stati aratri!!

La transumanza potrebbe essere un bel trampolino di lancio per lo sviluppo turistico locale legato alla natura, alla campagna e hai prodotti tipici...basterebbe solo trovare il modo e soprattuto la volontà per valorizzarla.

Fonte
Ps. chiedo scusa per la traduzione!!

12 commenti:

S.B. ha detto...

Ma esiste ancora la transumanza ?
Pensavo non ci fosse più da una ventina d'anni ...

sciura pina ha detto...

Come tutti i mestieri antichi e le antiche tradizioni anche la transumanza va salvaguardata, perchè fa parte della cultura contadina.
Si potrebbe veramente utilizzare per un rilancio turistico come succede dalle mie parti 8prealpi orobiche): molti alpeggi sono stati riattati e, visto che si è ripreso a portarci gli animali e a produrre il formaggio, sono diventati anche una meta per chi pratica il trekking.

cattiva1981 ha detto...

Noi in Toscana siamo più attenti a non far scomparire certi monumenti artistici naturali, forse perchè ne traiamo profitto e non solo per sensibilità. Peccato, è davvero un peccato!

m1979 ha detto...

@s.b: beh, chi si è attrezzato con stalle ultramoderne con l'aria condizionata non ha bisogno di farlo!! :-P

@sciura: e si, è quello che penso anche io...anzi fqualche anno fà si è cercato di riattivarla, attraverso escursioni a cavallo o in bici...ma ora non sò!! :-(

@cattiva: qui nemmeno per profitto!! Già, è un vero peccato!!

Matteo Mazzoni ha detto...

E' un mondo che va perso... Una civiltà... E' bene parlare di queste cose...

m1979 ha detto...

@matteo: infatti...io intanto sensibilizzo il problema, magari qualcuno più competente di me legge e cerca di fare qualcosa!! :-))

Anonimo ha detto...

Mica tutte le tradizioni vanno salvaguardate per forza...

Bisogna anche sapersi adattare ai tempi e ai cambiamenti inevitabili.

La transumanza ad esempio dev'essere stato uno stress per il povero pastore, altrochè!

Finchè le pecorine restano compatte nel gregge tutto bene, ma quando cominciano a scappare da tutte le parti?

Quello è un danno...

Per quanto riguarda la salvaguardia dei mestieri antichi e delle tradizioni sono d'accordo.

:)

m1979 ha detto...

@anonimo: beh, i cani pastori sono nati per questo!! :-) Non chiedo ica di ripristinare la transumanza....!!

Dicon solo di non dimenticare le tradizioni e le origini, anzi di valorizzarle in chiave moderna!

Athena ha detto...

io ci ho vissuto per due anni in molise e mi ricordo benissimo della transumanza...il rumore dei campanacci delle mucche nella notte. un bel ricordo...

m1979 ha detto...

@athena: purtroppo quel suono difficilmente lo risentirai in futuro...a meno che non organizzino qualche rivisitazione storica!! Chissa!

Anonimo ha detto...

Però! Ai cani pastori non avevo proprio pensato...

Ma il dialetto molisano è a rischio anche quello?

Ecco, i dialetti vanno sicuramente salvaguardatie usati con moderazione.

:)

m1979 ha detto...

@anonimo: il dialetto molisano è un surrogato del napoletano...poi nel mio paese non si parla un dialetto, ma una vera e propria lingua l' "Arbëreshë", e quello si che è a rischio estinzione!!

Articoli consigliati

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Declino ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti. Cokie: In qualità di fornitore indipendente, Google utilizza i cookie per pubblicare gli annunci sul tuo sito. L'utilizzo del cookie DART consente a Google di pubblicare annunci per i tuoi utenti in base alla loro visita ai tuoi siti e ad altri siti Internet. Gli utenti possono scegliere di non utilizzare il cookie DART consultando la pagina relativa alle norme di Google sulla privacy per la rete di contenuti e per gli annunci.