Ricerca personalizzata

venerdì 10 agosto 2007

Il museo delle bufale

Come vi ho già detto in passato, gli esperti di fotoritocco oggi sono in grado di fare di tutto. A volte le bufale più riusciti vengono addirittura scambiate per veri, finendo nelle prime pagine di giornali e telegiornali! Qualcuno si ricorderà il video beffa di alcuni ragazzi che malmenavano un ragazzo down in un bagno della scuola, il video finì su tutti i telegiornali, si gridò allo scandalo! Poi striscia la notizia smascherò il tutto, contattò i ragazzi e scoprì che si trattava tutto di uno scherzo, non c' era nessuna scuola, nessun ragazzo down, insomma si trattò di una bufala! Come mai successe questo? Semplice non si controllò la fonte, la smania di dare per primi lo scoop prevalse!!

Tutto questo preambolo solo per dirvi che esiste un sito americano che conserva e cataloga tutte le foto cosiddette "sole", quelle spacciate per vere ma in realtà si trattava di abili ritocchi al computer, o magari solo "artigianali"! il sito, naturalmente, si chiama museum of hoaxes ed è in lingua inglese.

Tre la foto più curiose che furono spacciate per autentiche è possibile trovare quella famosa del gatto più grande del mondo, quella del pollo preistorico, della scimmia che pesca, il grande squalo della cornovaglia, il bimbo che fa' un giro fuori dall'elicottero, i gattini bonsai, le molteplici versioni delle limousine, teorie su l'ultima cena di Leonardo da Vinci e molto, anzi moltissimo altro ancora, ma non voglio certo guastarvi la sorpresa, ci sono bufale veramente per tutti i gusti! Fatevi un bel giro. :-)

Quello che vi posso dire è di stare attenti quando vedete un'immagine, un video o altro, diffidate....non sempre ciò che ci appare corrisponde alla verità, verificate sempre le fonti!! ;-)

PS: ti è piaciuto questo post? Allora vota OK su

8 commenti:

Comicomix ha detto...

Quella scimmia che pesca pare proprio il mio amico Checco!
Scherzi a parte, molto divertente, una vera sola.

Un sorriso perseverante
Mister X di Comicomix

Alberto ha detto...

l'anno scorso pubblicai un post sul gratto più grasso del mondo: quello era reale!

m1979 ha detto...

@comicomix: quella foto è divertentissima!!! :-)

@alberto: allora devo spulciare sui tuoi post passati!! :-)

signor ponza ha detto...

Ho sempre pensato che Photoshop fosse il Male. (Ma forse lo pensavo solo perché non lo so usare).

m1979 ha detto...

@photoshop: neanche io lo sò usare così bene, però me la cavo!! :-) Un giorno mi piacerebbe saperlo usare così bene!

Luca ha detto...

Ciao m1979! Ma quindi quel video in cui picchiavano un ragazzo down (credo a Torino) era fasullo? Niet, finto del finto. Per carità, felicissimo,meglio così.Però... non lo sapevo. Pensavo fosse vero.
Grazie ancora per il tuo comment! Ricambio sempre e con grande piacere.Ciaoooooo

Richie ha detto...

I giornalisti non si sono ancora resi conto che oggi se non si sta attenti si fanno immense figure di merda... bello questo museo delle bufale!

m1979 ha detto...

@luca: aspetta, non mi riferiSco al caso di Torino, quello purtroppo è vero...ma ad un'altro video spuntato subito dopo, spinto dall'onda emotiva del caso Torino, i media credendo di fare lo scoop lo hanno annunciato ai quattro venti!! Ho provato a cercare il video in questione su youtube, ma non l'ho trovato, evidentemente è stato rimosso o censurato! Ciao!! :-)

@richie: hai perfettamente ragione, c'è troppa corsa allo scoop! Grazie!! :-)

Articoli consigliati

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Declino ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti. Cokie: In qualità di fornitore indipendente, Google utilizza i cookie per pubblicare gli annunci sul tuo sito. L'utilizzo del cookie DART consente a Google di pubblicare annunci per i tuoi utenti in base alla loro visita ai tuoi siti e ad altri siti Internet. Gli utenti possono scegliere di non utilizzare il cookie DART consultando la pagina relativa alle norme di Google sulla privacy per la rete di contenuti e per gli annunci.