Ricerca personalizzata

giovedì 26 luglio 2007

Alcune regole per prevenire gli incendi

In questi giorni tutta l'Italia ed in particola il sud sono stati invasi da incendi! Io stesso sono stato testimone degli effetti devastanti che ha provocato il fuoco di questi giorni tra i comuni di Termoli e Campomarino lido, e devo dire che il paesaggio che si è presentato davanti hai miei occhi è stato veramente spettrale, lì dove c'erano alberi e vegetazione spontanea, adesso c'è solo cenere e fumo...centinaia di ettari di macchia mediterranea sono spariti nel giro di qualche ora! Naturalmente quasi il 99% sono di origine dolosa!
Ma chi fa' tutto ciò, e soprattutto perché? Forse sono dovuti a dei "semplici" piromani, forse sono appiccati per vendetta, per poi costruirci sopra, forse sono accidentali...che ci vuole basta una sigaretta spenta male e del vento caldo (proprio come in questi giorni). Io le cause non le so', ma le sospetto e comunque spetterà alla magistratura trovare i colpevoli e soprattuto capire le motivazioni!

Intanto, in questi giorni, il wwf ha steso una lista di consigli che ogni buon cittadino dovrebbe tenere per evitare che altre centinaia di ettari di boschi vadano in fumo:

  1. Non gettare mozziconi di sigaretta o fiammiferi ancora accesi...poi il forte vento, il caldo torrido, i rametti o le foglie secche fanno il resto! Non immaginate nemmeno quanti incendi scoppiano perché automobilisti incautamente gettano dal finestrino mozziconi di sigaretta ancora accesi.
  2. Non accendere fuochi nei boschi...in periodi di particolare pericolosità è vietato accenderli, anche se protetti da pietre o aree ripulite, dopotutto bastano poche scintille. Informatevi prima presso la forestale.
  3. Non parcheggiare la macchina presso aree con erba secca alta, come avviene spesso durante i picnic o quando si va al mare....la marmitta rovente dell’auto, soprattutto se catalitica, a contatto con l’erba secca e le sterpaglie può innescare un incendio
  4. Non abbandonare i rifiuti nel bosco...oltre a essere un atto d'inciviltà, i rifiuti, essendo buoni combustibili, possono favorire il propagarsi degli incendi
  5. Non bruciare le stoppie, la paglia ed altri residui vegetali.
  6. Se vedi qualcuno che non rispetta queste indicazioni, invitalo gentilmente a rispettarle,e spiegagli il perché.
  7. Se avvisti un incendio chiama immediatamente il 1515, e non pensare che abbia già chiamato qualcun 'altro.
Mentre questo è il decalogo per evitare altri incendi in futuro, stilato sempre dal wwf:
  1. Mappatura delle regioni a rischio incendi e delle aree di pregio naturalistico.
  2. Coordinamento dei diversi enti che operano direttamente e indirettamente sul territorio per sorveglianza e avvistamento degli incendi boschivi ed intervento sul fuoco.
  3. Punti di avvistamento permanenti nel periodo dichiarato ad elevato rischio di incendi boschivi nelle aree più a rischio o di maggiore pregio ambientale (parchi e riserve naturali o SIC - siti di interesse comunitario della rete natura 2000).
  4. Pattuglie mobili di presidio con attrezzature e materiali per il pronto intervento sul fuoco, in contatto radio diretto con i diversi punti di avvistamento e la centrale operativa.
  5. Frequenza radio unica dedicata esclusivamente all’attività antincendio collegata alla centrale operativa del corpo forestale dello stato.
  6. Potenziamento della flotta aerea destinata all’intervento sul fuoco.
  7. Manutenzione dei boschi, per esempio, invasi d’acqua, viali parafuoco...
  8. Chiusura delle strade che attraversano le zone forestali più vulnerabili.
  9. Campagne di sensibilizzazione sui rischi degli incendi boschivi e di informazione sulle sanzioni penali.
  10. Censimento tempestivo di tutte le aree percorse dal fuoco e realizzazione delle relative cartografie informatizzate per orientare le investigazioni di polizia e la prevenzione del dolo.

Chi causa un incendio boschivo commette un reato ed è punito (secondo le disposizioni della legge quadro 353 del 21 novembre 2000 in materia di incendi boschivi) con la reclusione da 4 a 10 anni per incendio doloso (se l’incendio è cagionato per colpa si rischia da 1 a 5 anni, le pene aumentano in caso di incendio su aree protette)

Inoltre: I Comuni hanno l’obbligo di censire, tramite apposito catasto, i soprassuoli percorsi dal fuoco negli ultimi 5 anni, dove sono vigenti una serie di divieti: in particolare nelle zone boscate ed i pascoli percorsi dal fuoco non possono avere una destinazione diversa da quella preesistente all’incendio per almeno 15 anni!! Inoltre in tali zone, sono vietati per 10 anni ogni forma di edificazione, come pure il pascolo e la caccia. Ma i comuni fanno rispettare questo divieto? Sulla questione, vi invito a leggete quello che ha scritto Raucci.

6 commenti:

S.B. ha detto...

E' che gli incendi son quasi tutti dolosi :-(

Luca ha detto...

Regole da rispettare!L'altra sera sono capitato al lago di Castel Gandolfo per scrivere un articolo sul maxi rogo di 112 ettari. Appena arrivato, parcheggio e mi trovo di fronte un altro principio di incendio.Anche questo in ora tarda (ore 20) in modo da rendere difficile l'impiego dei mezzi aerei.Putroppo è vero,la maggior parte degli incendi sono di natura dolosa. Ho sentito cose abominevoli,tipo gatti cosparsi di benzina e poi dati alle fiamme e mandati nel bosco all'impazzata per causare quanti più danni possibili.C'è solo una parola per etichettare questa gente: criminali! Interessante il tuo blog, i miei complimenti. Se ti va passa anche da me: http://futuribilepassato.blogspot.com. Anzi... posso aggiungerti come blog consigliato? Linkarti?
P.s.un ultima cosa e nn ti rubo altro tempo:sai per caso come funzionano i Feed sulla piattaforma Blogger,cioè,come si possono inserire,utilizzare.Io purtroppo ho provato ripetutamente ma il fatto di non capirci molto non mi aiuta. Grazie,Luca.

altra faccia della medaglia ha detto...

Ciao, io sono un blogger come te, il quale sta crendo un circuito di scambio link chiamato "Progetto Presente!" per aumentare la popolarità dei nostri blog nei motori di ricerca grazie ai page rank.Ti chiedo di linkare il mio blog e di segnalarmi ciò (includendo l'indirizzo del tuo blog) , in un commento all'interno de "L'altra Faccia della Medaglia".

m1979 ha detto...

@sb: infatti, ma almeno quelli accidentali si possono evitare!

@luca: grazie per i complimenti...certo che puoi aggiungermi anzi...per i feed, passo sul tuo blog!

@altra faccia della medaglia...passo a trovarti!

signor ponza ha detto...

Bisognerebbe diffondere questo "decalogo"!

m1979 ha detto...

@signorponza: infatti!! :-)

Articoli consigliati

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità, pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite i collegamenti posti all'interno del sito stesso, forniti come semplice servizio. Il fatto che il blog fornisca questi collegamenti non implica l'approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica è declinata ogni responsabilità. L'autore non è responsabile per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post, i commenti ritenuti offensivi, di genere spam o non attinenti potranno essere cancellati; i commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima e comunque verranno cancellati. Declino ogni responsabilità per gli eventuali errori ed inesattezze riportati nel blog e per gli eventuali danni da essi derivanti. Cokie: In qualità di fornitore indipendente, Google utilizza i cookie per pubblicare gli annunci sul tuo sito. L'utilizzo del cookie DART consente a Google di pubblicare annunci per i tuoi utenti in base alla loro visita ai tuoi siti e ad altri siti Internet. Gli utenti possono scegliere di non utilizzare il cookie DART consultando la pagina relativa alle norme di Google sulla privacy per la rete di contenuti e per gli annunci.